Sensor Instruments
Entwicklungs- und Vertriebs GmbH
Schlinding 11
D-94169 Thurmansbang
Telefon +49 8544 9719-0
Telefax +49 8544 9719-13
info@sensorinstruments.de

Traduci questa pagina:

Controllo del colore e colorimetria


04.03.2020
 
  Non superare il rosso della linea

I fili di plastica di diverso spessore, colore, forma e qualità superficiale sono utilizzati in molti settori diversi. Ad esempio, le racchette da tennis sono realizzate con monofilamenti di poliestere, il profilo triangolare delle corde dà alla racchetta maggiore spin; nel caso dei monofilamenti per la produzione di sacchetti di plastica di grandi dimensioni, le cosiddette Big bag, è indicato principalmente un nastro piatto. Nella produzione della carta, nella zona umida, vengono utilizzati nastri trasportatori in monofilamenti di plastica rotondi e per i fili di platica degli spazzolini da denti viene aggiunto del materiale abrasivo. Recentemente i monofilamenti in plastica trovano applicazione anche nelle cosiddette stampanti 3D. Anche in questo caso si utilizzano fili rotondi di diverso diametro. Oltre alla forma, la costanza del colore è decisiva per il rispettivo utilizzatore, poiché le deviazioni cromatiche vengono spesso interpretate come fluttuazioni di qualità del materiale plastico. Soprattutto con prodotti tessuti come schermi di plastica, Big bag e racchette da tennis, anche le più piccole sfumature di colore (tipicamente a partire da una differenza di colore di dE=1) possono essere percepite dall'osservatore. È quindi consigliabile o necessario per il produttore controllare il colore dei monofilamenti già in fase di produzione, quindi inline. Le dimensioni dell’oggetto, la forma e la lucentezza dei monofilamenti in plastica hanno sinora reso difficile l’impiego di colorimetri inline, tanto più se con il monitoraggio si doveva rilevare in modo affidabile una deviazione di colore di > dE = 0.7.
 
► al comunicato stampa (pdf)
► al comunicato stampa (Word/pdf)


   SPECTRO-3-12-DIF-MSM-ANA-DL
   Serie SPECTRO-3-MSM-ANA
 


07.11.2019
 
  La dose è ciò che conta

Conduttori ottici a barra
Sempre più veicoli vengono equipaggiati negli interni, il cosiddetto settore ambiente, con conduttori ottici a barra. Li troviamo nel rivestimento delle portiere, nel cruscotto, nella consolle centrale e anche nel rivestimento del veicolo. La luce viene diretta dai conduttori ottici a barra attraverso bande piatte semitrasparenti negli interni auto. Una disomogeneità nel conduttore ottico a barra influenzerebbe la diffusione della luce disaccoppiata. Viaggiando al buio un osservatore percepirebbe all'interno del veicolo una sorta di macchia luminosa o, comunque, una macchia scura lungo la banda luminosa e risulterebbe quindi disturbante.
 
► al comunicato stampa
► al comunicato stampa (Word/pdf)


   SPECTRO-3-FIO-ANA-LEDCON-HA
   Serie SPECTRO-3-ANA
 


22.03.2019
 
  Scegliere il lato corretto

Il 95% delle superfici in vetro piano prodotte industrialmente viene ormai realizzata con il processo del vetro float. In questo processo, il vetro liquido viene continuamente immesso in un bagno di stagno liquido. Grazie al suo peso inferiore, il vetro fuso galleggia sulla superficie nuda dello stagno e forma una pellicola uniformemente spessa ed estremamente liscia su un bagno di stagno oblungo. Il lato del vetro rivolto verso la fusione dello stagno è leggermente contaminato dallo stagno e ha quindi effetti conseguenti sulla successiva lavorazione del vetro float, come ad esempio il rivestimento della superficie del vetro. Nella successiva lavorazione del vetro float è quindi importante distinguere la superficie contaminata dal bagno di stagno dal cosiddetto lato del fuoco (lucidatura a fuoco, durante la produzione del vetro float viene riscaldato il lato del vetro rivolto verso l'esterno della fusione dello stagno).
 
► al comunicato stampa


   Sensore di contrasto
   SPECTRO-1-FIO-UVC/UVC
 


09.11.2018

  Misurazione inline del colore di vernici mediante un vetro spia di 15 mm di spessore

Finora, il controllo del colore durante la produzione di vernici colorate veniva effettuato principalmente in laboratorio. Occorreva quindi prelevare un campione di vernice e controllare poi il colore sul sottile strato essiccato di vernice. Questo processo richiede naturalmente un certo tempo, tempo durante il quale la produzione di vernice potrebbe eventualmente uscire fuori dalla tolleranza ammessa e ciò richiederebbe un post-trattamento dispendioso in termini di tempo e denaro. 

► al comunicato stampa
     Sensore di misurazione del color
   SPECTRO-3-28-45°/0°-MSM-ANA-DL



NOTIZIE

Fiere: 

Empack Utrecht 2020
15, 16 e 17 settembre 2020
Jaarbeurs Utrecht

all about automation 2021
9 e 10 marzo 2021
Messe Friedrichshafen
 
più...

...............................................................

Nuove applicazioni:

Controllo del colore di coperture in plastica blu scuro
(N°684)
Controllo dello strato adesivo su nastri di plastica
(N°685)

Separazione per colore di pezzi in metallo
(N°686)

più...

...............................................................

Nuovi comunicati stampa:

Le pellicole decorative danno la necessaria lucentezza!
Serie GLOSS

più...

...............................................................

Nuovi video:

 Conteggio di coperchi in plastica trasparente con SPECTRO-1-CONLAS e A-LAS-N-F16-...
 Autenticazione del prodotto con LUMI-STAR-MOBILE-BL/OR-POL-IOS 
 Marcatura della pelle con LUMI-INLINE-SL-IR/IR 
più...

...............................................................

Note importanti sugli aggiornamenti del software
più...





FIND US ON ....

Facebook Youtube in Instagram Twitter

TOP